REDDITI 2005
«La predisposizione degli elenchi nominativi dei contribuenti che hanno presentato la dichiarazione dei redditi è prevista dall'articolo 69 del Dpr numero 600 del 1973. Tali elenchi, in passato realizzati in forma cartacea, erano a disposizione per la consultazione sia negli uffici dell'Agenzia che nei Comuni. La decisione di utilizzare il mezzo telematico nasce dalla norma introdotta con il codice dell'amministrazione digitale varato nel 2005 che dispone di assicurare la fruibilità dell'informazione in modalità digitale utilizzando con le modalità più appropriate le tecnologie dell'informazione e della comunicazione».

Attenzione, questo sito svolge solamente la funzione di contenitore per i file pubblicati dall'agenzia delle entrate con le dichiarazioni dei contribuenti. Si declina ogni responsabilità rispetto alla correttezza dei dati ivi contentuti e per ogni eventuale uso improprio di tali dati. I file caricati non sono proprietà dell'autore del sito che mette solamente a disposizione uno strumento.

Il sito è in continuo aggiornameto, se avete a disposizione file di comuni che non sono ancora stati caricati, caricateli con il pulsante a destra.
LA STORIA
• Il 29 aprile il sito dell'agenzia delle entrate pubblica i dati relativi alle dichiarazioni dei redditi degli italiani.
• Il 30 aprile la notizia inizia a fare il giro della rete e dei network principali, il sito dell'agenzia delle entrate è intasato di visite.
• Verso le 16.30 del 29 aprile il garante della privacy dice che questi dati potrebbero essere una violazione della privacy. Dal sito dell'agenzia scompaiono i dati.
• Il 30 aprile però i dati iniziano a circolare sulla rete peer 2 peer e non solo. Nuovi siti e blog contenenti questi dati nascono come funghi. Ormai il fenomeno non si può più arignare.
• il 1 maggio la notizia fa il giro del mondo e la procura inizia a indagare su Visco e chiede spiegazioni all'agenzia delle entrate.
• Nonostante la legge permetta la pubbicazione dei dati (nelle varie sedi dell'agenzia delle entrate la consultazione è libera, e vi è un buco legislativo, molte persone si interrogano se sia giusto o meno mettere a disposizione di tutti il proprio reddito.

IL SONDAGGIO
Esprimi anche tu il tuo parere sulla vicenda:
SÌ è giusto pubblicare i dati per arginare il fenomeno dell'evasione fiscale
SÌ è giusto pubblicare i dati perchè la gente ha diritto di sapere quanto guadagna ogni altra persona
SÌ è giusto pubblicare i dati. (Altra motivazione)
NO, non è giusto pubblicare i dati perchè l'industria del racket ne trarrebbe vantaggio
NO, non è giusto pubblicare perchè la mia dichiarazione riguarda solo me e lo stato.
NO, non è giusto pubblicare i dati. (Altra motivazione)